Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Venti d’Oriente

 

E’ stato in occasione del mio secondo viaggio in terra Congolese che ho preso coscienza della crescente potenza economica della Cina sperimentandola in prima persona.
A distanza di un solo anno ho assistito a numerosi cambiamenti e, per deformazione professionale, non ho potuto fare a meno di notare la presenza di un maggior numero di cantieri e di conseguenza di mezzi d’opera…tutto rigorosamente made in China.
La popolazione locale sembra reagire bene alla presenza dei nuovi “bianchi” perché vedono non solo la speranza di un progresso, ma anche segni tangibili quali formazione professionale, occupazione, infrastrutture e costruzione di strade, stadi, palazzi statali. Che sia o meno una nuova forma di colonialismo (non dimentichiamoci delle risorse infinite da sempre oggetto di sfruttamento da parte di Europa ed America) ha almeno avuto il merito di riaccendere i riflettori sull’Africa.

La Cina sta conquistando quasi tutta l’Africa, e non solo. A soli 20 giorni dal rientro africano, eccomi catapultata in una realtà decisamente differente: quella della fiera IAA di Hannover, l’importante manifestazione dedicata ai veicoli industriali e commerciali che ha accolto ben 1.904 espositori provenienti da 46 Paesi e circa 260.000 visitatori. Bisogna riconoscere che l’atmosfera è sempre frizzante e fiduciosa, certamente distante da quella che viviamo nella nostra bella Italia. Direi che rappresenta un buon antidoto al pessimismo ed al piagnisteo cronico. Oltre a ciò riserva sempre molte novità e sorprese.                                                                                

Una di queste è stata proprio la presenza del marchio cinese Dongfeng, per la prima volta espositore. Lo ha fatto presentando la gamma intera dei suoi veicoli ,dai leggeri ai pesanti, con un’attenzione particolare alla nuova ammiraglia “Kinland”( tra l’altro progettata da un’azienda di Moncalieri) con cerimonia di “reveal” annessa. Probabilmente è prematuro pensare che il camion made in China stia sbarcando in Europa Occidentale, ma sicuramente l’esordio di Dongfeng alla più importante manifestazione europea (e una delle più importanti del mondo) dedicate all’autotrasporto è un segnale non trascurabile dell’interesse verso il vecchio continente. Nei primi otto mesi del 2014, in Cina sono stati venduti 527.600 veicoli pesanti, numeri che non siamo più abituati nemmeno ad immaginare.

In poco più di un mese , passando dal continente africano a quello europeo, ho avuto l’impressione di aver vissuto anche un po’ più ad Oriente.                                                                                                                            

Quanto esposto rappresenta solo un piccolo spaccato, frutto di una esperienza personale, che mi ha dato l’opportunità di conoscere ed approfondire alcune dinamiche e di andare oltre il banale pregiudizio legato al made in china. L’immagine che mi si è palesata davanti è il famigerato ed avvincente gioco “Risiko”.      

Con obiettivi molto chiari e definiti, le armate rosse stanno conquistando nuovi continenti e sconfiggendo molti dei nemici storici senza “esplicite” dichiarazioni di guerra.

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Al centro ci siamo noi

 

Tutte le volte in cui mi trovo a diretto contatto con i clienti , mi sforzo di entrare un po’ nel loro mondo e mi stupisco costantemente di quanto sia sfaccettato il settore in cui operiamo; settore che offre continui spunti per analizzare non solo l’economia reale ed il diretto rapporto con il Pil, ma anche il progresso tecnologico ed ancora alcuni fattori psicosociali legati allo stile di vita degli autisti.
L’ultima occasione è stata l’edizione del Traspo Day che si è tenuta a Capua dal 6 al 9 Marzo. Mentre curiosavo tra gli stand dei vari espositori, mi è capitato di prestare attenzione ai commenti dei nostri amici trasportatori che ammiravano i modelli di punta presentati da ciascuna casa costruttrice; prodotti ideati, studiati e realizzati da team di tecnici specializzati che vengono guidati non solo dai mercati, dalle legislazioni ma soprattutto dal cliente stesso. Per questo motivo trovo interessante comprendere le attese dei clienti nei confronti dei nostri veicoli, poiché è proprio dai classici commenti quali ad esempio meno potente , più stabile, più comodo , con consumi elevati, con design superato che nascono prodotti ipertecnologici sostenuti da studi ingegneristici sempre più all’avanguardia e team di ricerca e sviluppo adeguati.

Credo che spesso si sottovaluti la valenza scientifica della progettazione di un veicolo industriale, emblema di elevata innovazione tecnologica, professionalità e competenze . E’ sufficiente pensare al lavoro svolto da interi team di ingegneri e designer dedicati, ai ripetuti test di conformità, all’attenzione ad ogni minimo dettaglio.
Gli ingenti investimenti sulla ricerca e sviluppo non hanno solo un impatto diretto sul benessere degli autisti ma anche sulle legislazioni correnti come ad esempio le normative sulle emissioni. Il peso e la rilevanza che assumono il settore R&S sono senza dubbio indiscutibile, ma nonostante ciò è data sempre poca visibilità ed evidenza al loro operato.
Provate a sfogliare una rivista specializzata oppure a effettuare una ricerca sul web. Quante notizie sono pubblicate sull’importanza della ricerca e quanta (poca) enfasi viene data alle persone responsabili di tale progresso? Quanto spazio invece è riservato ad argomenti quali quote di mercato, fatturati, prestazioni del veicolo, prove di consumo, confronti tra concorrenti, strategie commerciali, di marketing ecc.?  
Non dovremmo invece dimenticare che dietro alla realizzazione della “macchina” c’è il lavoro di grandi uomini professionisti, i quali probabilmente non potranno spiegarci in maniera semplice i tecnicismi, ma potrebbero invece trasferirci il concetto vincente del team working e della perseveranza.

Dopo questo excursus sull’eccellenza dei team R&S proviamo a riflettere ora sulla situazione del parco circolante dei veicoli industriali italiani e sui provvedimenti presi dai governi per promuovere il loro rinnovamento. Io preferisco tornare ad ascoltare i nostri amici autisti che, nonostante tutto , riescono a descrivere ancora “con romanticismo” il loro camion!

 

 

 

 

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Rete delle mie brame…

 

Lo scenario economico che si è profilato negli ultimi anni ci induce a fare delle riflessioni sulla validità di alcuni modelli imprenditoriali esistenti.
Modelli che, prima della crisi, sembravano essere vincenti ed “Invincibili”, ma che oggi forse vengono messi in discussione. Proviamo ad osservare i nostri concessionari di vendita e le evoluzioni che hanno caratterizzato il sistema distributivo del nostro settore di riferimento e proviamo a comprendere cosa è accaduto nei cinque anni della crisi.

 

Negli anni del boom, le case costruttrici hanno richiesto sempre maggiori investimenti e standard più elevati ai dealers. Tali richieste hanno spinto chiaramente i concessionari ad adeguarsi con strutture, organizzazione interna e sistemi metodologici più avanzati.
Il concetto di azienda cosiddetta “padronale” oppure “a conduzione familiare” veniva quasi considerato superato e la cui gestione doveva necessariamente adattarsi a mercati estremamente competitivi e focalizzati su elevati livelli di qualità, standard e di servizio. Per questa ragione il modello da seguire sembrava fosse quello dei grossi gruppi societari non soltanto per il livello elevato di professionalità e managerialità ma soprattutto per le capacità finanziarie e maggiore facilità di accesso al credito.

 

Arriviamo al nocciolo della questione. Se guardiamo il contesto generale del nostro settore e delle nostre reti di concessionari possiamo con certezza affermare che valgono ancora queste regole?
Negli ultimi anni abbiamo assistito alla chiusura di grossi gruppi di dealers; proprio quelli dotati di ingenti capacità finanziarie, strutture e capacità gestionali, ma probabilmente non più in grado di reggere il fardello dei costi fissi causa della scarsa liquidità e redditività.
Come hanno reagito invece i dealers più piccoli? A mio parere hanno reagito maggiormente nonostante il difficile contesto di mercato in cui si sono ritrovati ad operare. Riesce a resistere chi negli anni ha reinvestito il capitale all’interno della propria azienda e non solo in yacht ed auto di lusso. Resistono perché se da un lato è stata percepita l’importanza di investire nell’organizzazione, formazione e nel passaggio generazionale dall’altro lo hanno fatto evitando sprechi e non esponendosi troppo nei confronti delle banche; il tutto ovviamente condito dalla passione, impegno e lungimiranza. In fondo per questi imprenditori “padronali” l’azienda è un po’ come la ”famiglia” da accudire, far crescere e tutelare con ogni forza ed energia.

 

La crisi ancora una volta ci dimostra che non esistono delle regole e condizioni immutabili; ci costringe tutte le volte a riflettere, a ridimensionarci, a pensare a soluzioni alternative ed a riconsiderare modelli ormai obsoleti e bistrattati.

 

 

 

 

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Lezioni

Nelle ultime settimane la stampa, specializzata e non, ha dato enfasi all’episodio del camionista Ion Purice che, con il suo mezzo, ha fatto da scudo e salvato la vita di una bambina di otto anni improvvisando una manovra rischiosa e tempestiva.
Un gesto sicuramente ammirevole ed encomiabile, ma i numerosi rumors da parte dei media e lo stupore connesso spingono a fare delle riflessioni.

Credo che lo stupore generato sia legato non soltanto all’azione di solidarietà ed umanità ma anche al fatto che a compierlo sia stato un camionista (originario dell’est). Questo clamore non è altro che lo specchio della nostra società ed onestamente intristisce non poco.
Intristisce perché emerge il pregiudizio nei confronti della categoria “camionista” e probabilmente della nazionalità di Ion; se non ci fossero alla base dei preconcetti non ci sarebbe stata così tanta “notizia”. Solitamente un camionista viene considerato quasi una sorta di mostro della strada incapace di compiere gesti coraggiosi e spesso accusato di guidare senza rispettare il codice della strada e gli automobilisti.        
Intristisce perché viene considerata eroica un’azione che, come lo stesso Purice ha affermato, avrebbero dovuto compiere tutti. Prestare soccorso a chi è in difficoltà non dovrebbe far parte dell’etica di ciascuno di noi? Il fatto che ci siano dei dubbi a riguardo fa pensare che stiamo perdendo davvero il contatto con la dimensione più umana ed altruista. In effetti è sufficiente pensare ad alcuni incidenti che hanno coinvolto degli automobilisti negli ultimi mesi, i quali si sono dileguati dopo aver investito dei passanti e ciclisti. Per questo motivo la manovra “salvezza” compiuta da Purice viene percepita come qualcosa di eclatante; non siamo più abituati, ogni giorno siamo costretti a confrontarci con realtà fredde, dure e negative che ci portano all’indifferenza, alla paura ed all’autotutela.

Oltre a ciò, c’è chi poi non perde occasione per speculare sulla vicenda, inventandosi fantomatiche azioni di marketing, dimenticando che la bambina in questione è ancora in condizioni gravi. Personalmente mi sento molto vicina al carattere schivo del “nostro” autista, che non ha inseguito la celebrità nemmeno per un momento, che ha minimizzato il suo gesto e si è sinceramente preoccupato della salute della bambina. Farsi guidare dalla coscienza e da un forte senso di responsabilità senza la necessità di sentirsi eroi è il più grande insegnamento che ci lascia questa vicenda. Lezione che ci ha dato un camionista rumeno.

 

 

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Che fatica…ma che soddisfazione

A pochi giorni dall’appuntamento storico del Week end del Camionista 2013 (data in cui scriviamo), è interessante provare a descrivere il mix di emozioni che porta con sé l’organizzazione di un evento del genere.

Ciò che appare al pubblico è il risultato di un enorme lavoro da parte del reparto marketing di ogni azienda impegnata nei preparativi. Si tratta non solo di un lavoro entusiasmante e stimolante, ma anche molto faticoso soprattutto in periodi complicati come quelli che stiamo attraversando, periodi in cui approvazioni di budget, risorse e creatività arrivano con fatica e in ritardo. Ritardi che si tramutano in corse affannose, adrenaliniche in cui tutto deve comunque essere perfetto, ogni dettaglio deve essere considerato e studiato. Consegne che slittano causa scioperi, materiali promozionali e forniture non più disponibili, lotte ai preventivi, fornitori ed allestitori sotto pressione, previsioni meteo allarmanti sono solo alcune delle problematiche che si sviluppano in fase organizzativa. La capacità di trovare soluzioni alternative, tempestive ed allo stesso modo soddisfacenti è la sfida più grande da affrontare: il tuo pubblico non può e non deve rimanere deluso, è necessario trasmettergli energia e positività. Un evento, una manifestazione, una

presentazione istituzionale devono anche essere un’arma contro la crisi e

la negatività, un’occasione per distrarsi e divertirsi.

L’attenzione ai dettagli è la chiave di volta per un evento di successo, ma l’impegno e la professionalità profusa non basteranno. Ci sarà sempre qualcosa a cui non avrai pensato; nella migliore delle ipotesi il tuo pubblico non se ne accorgerà, nella peggiore il tuo collega e/o cliente, libero dalla frenesia dei pensieri, ti farà delle osservazioni con una nonchalance disarmante.

Noterà l’unico particolare che avevi trascurato. Quel “magico” momento potrebbe smorzare il tuo entusiasmo oppure potrebbe semplicemente arricchire il tuo bagaglio di esperienza.

L’importante è non perdere di vista l’obiettivo prefisso: fare in modo che i partecipanti possano apprezzare, rallegrarsi, conoscere qualcosa di nuovo e ricordarsi del marchio che rappresenti. La passione con cui provi a raggiungere il traguardo non potrà che essere riconosciuta e premiata. Ai posteri l’ardua sentenza!

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Investimenti “economici”

Mai come in questo periodo di disorientamento è di vitale importanza non perdere la fiducia, avere sangue freddo e non arrendersi continuando ad investire.
Alcuni citano Einstein, altri fanno riferimento al duplice significato in cinese della parola Crisi individuando non solo una minaccia ma anche una grossa opportunità di cambiamento. Tutti noi (dall’impiegato al dirigente, dall’autista all’imprenditore), nello svolgimento delle quotidiane attività lavorative, dovremmo iniziare la giornata partendo da questa consapevolezza.
La crisi va vissuta come fattore positivo, da cui bisogna trarre gli stimoli giusti per uscirne, possibilmente meglio di come ci si è entrati. Per superare l’odierna situazione di recessione è indispensabile rilanciare la crescita, ma per far questo serve la capacità di rimettere in discussione metodologie di lavoro (magari un po’ arcaiche), cattive abitudini mostrando la massima apertura. La parola “investimento” normalmente spaventa ed atterrisce. Investire in un momento di crisi?
Le risposte generalmente possono essere svariate: da “Al momento è essenziale contenere i costi” ad “Aspettiamo che passi la bufera” oppure “Aspettiamo che si formi il nuovo governo”.
Parole che enfatizzano e risaltano l’immobilismo già in auge. Risposte che se analizzate superficialmente posso essere assolutamente condivisibili e comprensibili.
Se invece decidiamo di approfondire dovremmo allora chiederci il motivo per cui al termine “investimento” venga associato “istintivamente” l’idea di sostenere “maggiori costi”.
I costi più attaccabili sono ad esempio tipicamente quelli relativi al marketing, alle consulenze, insomma quelli considerati sacrificabili o con priorità, di primo acchito, di secondo livello.
Ci sono tuttavia degli investimenti “economici” che spesso vengono sottovalutati e non considerati, come quello di puntare al raggiungimento dell’eccellenza di alcuni processi.
Un esempio? Potremmo servirci di questo periodo per migliorare la gestione dei contatti attraverso il CRM (il cui valore strategico è in Italia ancora nebuloso).
L’input dovrebbe partire dalle case costruttrici per poi diffondersi a cascata in concessionaria. Queste attività, come altre innumerevoli qui non citate, negli anni scorsi sono state considerate meno rilevanti rispetto alla vendita e vissute quasi come un’entità scollegata dalle azioni commerciali.
Cosa sappiamo davvero dei nostri clienti? Se un venditore non fa più parte della nostra squadra dove è possibile recuperare (in modo strutturato ed integrato) lo storico delle trattative, acquisti, passaggi in officina, feedback, reclam, e così via?
Tali informazioni costituiscono un patrimonio aziendale inestimabile, ma si fatica ancora a trasferirne il valore aggiunto connesso.
Quante volte i nostri venditori hanno lamentato la mancanza di tempo da dedicare all’inserimento dei dati a sistema. Forse adesso potremmo gestire il nostro tempo in maniera più efficace e quindi efficiente, senza costi aggiuntivi: semplicemente senza sprechi.
La crisi quindi può e deve essere una buona occasione per cambiare il nostro modo di pensare, per scardinare le abitudini e trovare nuove soluzioni per aumentare la nostra professionalità. Maggiore flessibilità e predisposizione al cambiamento non potranno quindi essere percepiti come “costi di marketing aggiuntivi”.

 

 

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Euro 6 delle mie brame…

Come tutti sanno, nel 2014 la legislazione europea renderà obbligatorio in tutti i Paesi membri l’utilizzo dei motori Euro 6 per i veicoli industriali.
Non entriamo nel merito della valenza o meno di questa normativa in termini di rapporto costi/effetti in quanto ne è stato parlato a lungo e approfonditamente nei mesi passati.
Certo è che nel corso del 2012 molte Case, chi prima e chi dopo, hanno presentato le novità non solo legate ai nuovi motori ma anche a cabine completamente riprogettate, cogliendo l’occasione per rinnovare la propria gamma.
Ingenti, quindi, gli investimenti sostenuti da parte dei costruttori anche se, in una fase di congiuntura economica come quella che si sta protraendo da oltre cinque anni, parlerei piuttosto di “sforzi” rivolti al soddisfacimento della normativa.

D’altro canto, dalla parte governativa, attualmente il nostro Paese non ha ancora ipotizzato alcun incentivo per favorire l’utilizzo di veicoli meno inquinanti, pertanto sorge naturale chiedersi in che modo il nostro mercato reagirà all’introduzione dell’euro 6 e quanto realistiche possano essere le attuali previsioni in merito alla sua ricettività.
Senza voler dare giudizi politici o entrare nel merito delle diverse proposte governative, è comunque evidente che, se già il nostro comparto, storicamente, non è mai entrato nei primi posti delle priorità delle agende dei nostri politici, con l’instabilità di questi ultimi mesi, logistica e trasporto, che restano pur sempre il motore di una economia, sono ancor più messi in disparte.

Due sono gli interrogativi che sorgono spontanei: l’esercizio 2013 sperimenterà un incremento di domanda euro 5 che potrà dare un po’ di respiro al fatturato? E ancora: nel 2014 fino a che punto le aziende di trasporto saranno disposte ad investire negli innovativi ma più costosi veicoli Euro 6?
In altri tempi probabilmente sarebbe stato più agevole fornire delle risposte; oggi in un contesto politico/economico di forte stagnazione, risulta complicato avere una visione chiara di ciò che ci aspetta.
Se si potesse sognare ad occhi aperti per qualche minuto, sarebbe bello poterci immaginare un grande villaggio in cui politici, imprenditori, case costruttrici, associazioni di categoria, autisti lavorassero insieme con passione al fine di raggiungere obiettivi comuni: una sorta di Co-Village. Forse è ciò che di cui il nostro Paese avrebbe bisogno urgentemente.

 

 

Categorie
Blog Segnali di Fumarola

Dallo IAA verso il futuro

Nel mese di settembre si è svolta la 64esima edizione dell’IAA, il più importante avvenimento fieristico internazionale nel settore del trasporto che si svolge ad Hannover con cadenza biennale.

I dati relativi al numero di visitatori (circa 260.000), espositori (quasi 2.000 provenienti da 40 Paesi) nonché le anteprime presentate dai principali costruttori offrono diverse opportunità di riflessione.

Da un lato i risultati e le novità di prodotto esibite dalle principali case sono stati rilevanti. Nel settore dei veicoli industriali tutti i principali attori non solo hanno esposto i nuovi motori Euro 6, ma anche nuovi modelli, nuove cabine dando ampio spazio alle innovazioni tecnologiche.

Del resto il claim dell’evento fieristico era “Driving the Future”. La volontà e l’impegno delle case di rafforzare gli investimenti in sviluppo ed innovazione tecnologica hanno rappresentato un segnale molto incoraggiante per tutti gli operatori del settore, ma con atteggiamento maggiormente pragmatico che ha posto l’attenzione su temi quali la minimizzazione dei costi di esercizio, l’ ecologia etc.

Tale successo probabilmente non era atteso se si considera il contesto di instabilità ed incertezza che coinvolge l’Europa. Da qui nasce una seconda considerazione che ci induce a pensare che la situazione di forte “crisi” attraversata dal Sud Europa non può essere equiparabile a quella attribuibile al Nord Europa.

D’altronde se analizziamo i dati del primo semestre ACEA, si evince che i cali più significativi di immatricolazioni nel mercato > 16 Ton interessano Paesi come Italia (quasi – 29%), Spagna (-21%), Portogallo (-47%), Grecia (-64%). Alcune eccezioni positive sono invece rappresentate da Gran Bretagna (+12%), Irlanda (+27%), Finlan- dia (+9%) e Danimarca (+7%). I restanti Paesi, seppur non raggiungendo risultati positivi, riescono comunque a contenere le perdite.

In questo ambito cresce sempre più l’interesse rivolto ai nuovi mercati cosiddetti BRIC (Basile, Russia, India e Cina): la fiera di Hannover è stata una delle tante testimonianze. In un’ottica di globalizzazione ed internazionalizzazione questo processo è sicuramente indicatore positivo di evoluzione, integrazione e cambia- menti strutturali nel nostro settore e nell’economia; tuttavia il timore rimane sempre legato ad ulteriori spostamenti degli investimenti europei, che non velocizzerebbero la tanto attesa e desiderata ripresa economica.